IL LINFOTAPING 
(articolo di Daniela De Angeli Fisioterapista a Torino)

Con linfotaping, s’intende l’applicazione di un tape-cerotto, con tecnica neuro-muscolare, in ambito linfologico e vascolare.

Il tape è un nastro di cotone, elastico e adesivo, da ben distinguersi dal cerotto medicato, che svolge un’azione farmacologia transdermica.
Il tape invece applicato sulla cute con un percorso e una tensione ben precisi, svolge un effetto meccanico su tutto quello che si trova sotto la cute stessa, quindi il sistema muscolare, articolare, neurologico, nonché vascolare e linfatico.
La sua finalità è quella di “assistere dall’esterno” questi sistemi facilitandone il funzionamento.

La fisioterapia a Torino – il linfotaping

In ambito linfatico e vascolare, l’applicazione viene realizzata sempre e solo con tecnica decompressiva, in allungamento muscolare del segmento trattato e/o con cute mantenuta in tensione, senza trazionare le fibre elastiche del tape, in modo tale che lo stesso attivato poi dal movimento, “raggrinzi” stimolando il microcircolo, “creando spazio” nel sottocute senza esercitare un effetto compressivo, che aumenterebbe la congestione invece di drenare.

Daniela De Angeli – Fisioterapista a Torino

Si tratta in pratica di un prolungamento nel tempo, delle manovre di Drenaggio Linfatico Manuale, intervenendo sulla patologia con approccio terapeutico integrato.
La “correzione “avviene quindi, così come nella tecnica manuale “svuotando” la periferia verso le stazioni linfonodali prossimali, senza congestionarle.

Linfotaping – Controindicazioni

Le controindicazioni sono le stesse del DLM: infezioni, trombosi, ecc

Tuttavia in alcuni casi è possibile utilizzarlo laddove sia sconsigliabile la tecnica manuale, per esempio in caso di flebite quando un ecodoppler abbia escluso trombosi, o patologie oncologiche, purché non direttamente sulla lesione tumorale.
Rispetto ad altri presidi, il tape permette libertà di movimento, è attivo 24h su 24 e può essere utilizzato anche nelle fasi acute.
Può essere lasciato in sede d’applicazione anche 4-5 giorni, massimo una settimana, salvo comparsa di quadro eritematoso ( prurito, arrossamento, bruciore ), nel qual caso è bene rimuoverlo.

Daniela De Angeli – La Fisioterapia a Torino

Studio fisioterapico Equilibrium: La Fisioterapia a Torino – Linfotaping
Condividi questo contenuto